Antropologia Paolina

L’antropologia paolina considera l’umanità di San Paolo: come lui pensa di se stesso davanti a Dio. Partendo da questo, possiamo capire meglio il suo pensiero. Paolo è ebreo e il suo modo di pensare è ebraico e aramaico, ma scrive in greco: usa cioè una lingua franca… […]

Si tratta di una pericope presa dalla 2 Cor. Questa immagine e metafora si può intendere in due modi: salute e malattia ed anche difficoltà nei rapporti con le persone. Si sottolinea innanzi tutto che la spiritualità di Paolo è inseparabile dalla vita fisica, dalla corporeità… […]

Un aspetto che colpisce della personalità di Paolo, è un’umanità integrata, equilibrata. Leggendo le sue lettere, si ha l’impressione che egli sia un uomo diviso fra i suoi progetti, i suoi ideali, una vita trascorsa nella ricerca della verità, ma anche ricca di passioni umane… […]

Nelle lettere di Paolo si riflette la sua maniera di vivere i rapporti con le comunità cristiane da lui fondate e con le quali ha un rapporto umano molto intenso. Le lettere sono un colloquio a distanza, nel quale si ritrovano risonanze affettive ed emotive: vi troviamo gioia e ottimismo, ma anche sofferenza e crisi… […]

E’ un tema di grande attualità che ha radici nella tradizione biblica che Paolo legge in maniera originale, partendo dalla sua esperienza di battezzato, immerso in Gesù Cristo. Analizziamo le lettere ai Gàlati, la prima ai Corinzi ed anche la lettera agli Efesini… […]

Paolo rivede e ripensa i rapporti familiari, partendo dalla sua esperienza spirituale che gli ha permesso di scoprire il volto di Dio, Padre di Gesù Cristo. Non è un Dio che schiaccia, ma che si fa vicino a noi attraverso l’umanità di Gesù… Paolo considera la famiglia come punto di attacco per annunciare il Vangelo. Costruendo una rete di famiglie, si costruisce la comunità, l’ecclesìa – la famiglia di Dio… […]

Più volte Paolo adopera la forma di reciprocità Amatevi gli uni gli altri: questo è un tema tipico dell’amicizia. Mentre i rapporti di parentela sono verticali, l’amicizia suppone una equi-uguaglianza, una parità con la condivisione, la solidarietà… […]

Su cosa fonda Paolo la sua speranza di fronte alla morte? Il Battesimo non ci sottrae alla morte fisica, ma dà un senso nuovo a tutto quello che viviamo. Con la sua morte Gesù ha distrutto la morte: questa forza negativa che si potrebbe chiamare incapacità di amare… […]