Ettore Rupil

05/12/2010 | Int Furlane

Foto - Ettore Rupil

Ettore Rupil al à lavorât in vite sô cul “Enel” e cuant ch’al è lât in pension, une desine di agn indaûr, al à continuât a dâi di schene come volontari, prin
li dal Ufici missionari e po li dal Ufici pes comunicazions sociâls de Glesie udinese. Pe Arcidiocese al curave la rassegne stampe cuotidiane, tant chê
di carte che chê informatiche.

Donadôr di sanc e secretari dal grop “Afds” dal “Enel”, al jere atîf massime tal camp cristian. Al veve fondât cun altris di lôr un dai prins lûcs internet catolics (www.petruspaulus.org) e di 5 agn incà al jere il dean dal grop dai “Coopera-dôrs Paolins” di Udin.

Al jere pront a judâ amîs, parincj e cognossints, cence bacilâ ni di fadie ni di pericui. Cussì al è colât di un’armadure in Cjargne, biel ch’al judave la parintât a regolâ un stali e dopo cualchi ore al è muart tal ospedâl, ai 21 di
Lui stâts.

Al jere plen di passion pes tradizions cjargnelis e pe lenghe furlane. Si jere imprometût di publicâ in curt i tescj inedits su la vite e su la culture dai siei paîs, fra XIX e XX secul, scrits di predis furlans (in specialitât al pensave a pre’ Antoni Roja di Prât), «prin ch’al sparissi dut te dismentie», ur motivave ai amîs.

In zoventût al veve lavorât te “DC”, deventant conseîr comunâl di Prât.

Di chê esperience politiche al tignive cont ricuarts fins, massime cuant ch’al contave des discussions vudis cui “compagns” socialiscj e comuniscj di Cjanâl. Al veve ancjemò une dialetiche politiche plasevul a scoltâle e dificil a cuintribatile. Al jere bon di difindi lis sôs ideis e i valôrs umans e cristians cun scletece e cun fermece, cence un fregul di sudizion, ma ancje cence mai umiliâ i siei interlocutôrs.

Sore il dut, al jere un om bon cun ducj, cence distinzion di politiche o di religjon.

Par chei che lu an cognossût al è stât un testemoni umil di bontât e di sapience, di serietât e d’impegn in ogni ativitât, di gjenerositât e di afiet par ducj.